Leo alla Maratona di Torino 2012

18 Novembre 2012 , Leonardo Costa corre a Torino.

"Ho corso la mia seconda maratona, ancora a Torino, migliorando il primato personale di 4 minuti. Questa volta sono riuscito a concludere la gara nel tempo prefissato 2h 39' 56", all'arrivo 38esimo assoluto su quasi 4000 atleti. Una giornata assolata, contrariamente alle nefaste previsioni meteo, ha accolto gli atleti in Piazza San Carlo alle 9.30 del mattino, orario della partenza.

Alle 9.00 inizio il riscaldamento corricchiando molto lentamente per 5 minuti, poi deposito la borsa in Piazza Castello e alle 9.10 mi dirigo sempre di corsa alla partenza. Alle 9.20 arrivo alla partenza, già affollata, il tempo per qualche allungo sotto il portico ed entro nella mia gabbia di partenza, a ridosso delle prime file. Dopo il via e un primo km di sorpassi, mi ritrovo a correre facile a un ritmo leggermente più forte del previsto. Passo alla mezza in 1h 19' esatta in compagnia di un gruppetto di atleti raggiunto qualche km prima. Dal 21 fino al 28 esimo km soffro, subisco una lieve crisi, qualche km più lento del previsto, un pò di vento contro, qualche dosso e un pò di stanchezza mi mettono alla prova psicologicamente. Dopo il 28 la crisi svanisce come è arrivata, all'improvviso, mi metto davanti al gruppetto dei 3 con cui procedo, riporto il ritmo sui 3'45" al km e inizio il conto alla rovescia dei km godendomi il calore del pubblico. Fino al 33esimo km il ritmo è buono, sto bene e la voglia di forzare ulteriormente è tanta, ma dopo l'esperienza negativa negli ultimi km della scorsa maratona, mi lascio sfilare mettendomi dietro al gruppo. La paura dei crampi è tanta, l'anno scorso sono arrivati abbastanza all'improvviso, questa volta devo concludere la gara senza intoppi a tutti i costi. Intanto i km passano, le energie sono ancora discrete, arrivato al 39esimo la fatica si fa sentire come dovrebbe e mi stacco leggermente dagli altri due compagni di viaggio, ma ormai è fatta, tengo duro gli ultimi due km e allungo gli ultimi 200 metri per restare sotto il muro delle due ore e quaranta!"

Qualche nota tecnica, durante la gara ho consumato tre carbo-gel, al 18, 27 e 34esimo km,  la colazione è stata leggera, alle 6.45 ho preparato latte di soia con musli, qualche biscotto e tre fette biscottate con una marmellata di solo fruttosio. Sono molto soddisfatto del risultato e di aver superato la crisi di metà corsa. In futuro correrò altre maratone solo dopo aver corso qualche mezza maratona intorno al personale, per poter migliorare ulteriormente il primato.

 

Leo

Informazioni aggiuntive